Rolfing

 

Il Rolfing® è il metodo creato dalla dr.ssa americana Ida Rolf che permette in breve tempo di migliorare la postura e restituire scioltezza ed elasticità al corpo. Questa tecnica molto efficace ottimizza l’allineamento della struttura umana in relazione alla forza di gravità e raffina la percezione del corpo nello spazio circostante, consentendo di dare un corretto significato alla gestualità, al comportamento ed alle emozioni. .

Come funziona?

La geniale intuizione della sua ideatrice è stata quella di comprendere che la nostra salute, il benessere psicofisico e la libertà di evolvere dipendono in gran parte dalla capacità di adattamento alla forza di gravità a cui ognuno di noi è continuamente sottoposto.

Immaginate che meraviglia vivere in un corpo flessibile e bilanciato, libero da fastidi, rigidità e dolori cronici, capace di adattarsi al meglio alle sfide fisiche, mentali ed emozionali della vita!!!!

Questo ambito traguardo lo si può raggiungere rivolgendosi alla tecnica della Dr.ssa Rolf incentrata sulla manipolazione profonda del tessuto connettivo, che lei stessa definì “l’organo della forma” perché essendo parte integrante delle fasce muscolari, dei legamenti, dei tendini e delle capsule articolari, pone in diretta relazione le ossa con i muscoli, che attraverso le loro fasce sono quelli che con le loro forze di tensione definiscono la posizione delle ossa e dei vari distretti corporei. ( testa, spalle, torace, braccia, ecc.)
Quando i nostri tessuti, muscoli e fasce sono chiamati ad operare per tenere insieme una struttura non bilanciata e disarmonica, gran parte della nostra energia viene impiegata nel nutrire tensioni anomale e croniche che determinano l’accorciamento, l’indurimento e l’accorciamento delle fasce e dei muscoli, innescando processi secondari di compensazione che provocano un disallineamento dalla verticalità e distorsioni croniche dei vari distretti corporei che pregiudicano sensibilmente l’interazione con la forza di gravità, contribuendo al manifestarsi di un’infinità di problematiche dolorose e limitanti.
Grazie alla notevole plasticità del tessuto connettivo ed alla sua capacità di risposta alla pressione esterna, la struttura e la forma del corpo possono essere modificate molto più profondamente di quanto si pensi, e sebbene molti trattamenti aspirino a bilanciare ed in integrare la persona in relazione a se stessa, il Rolfing è l’unico che lo fa anche nei confronti dell’ambiente, perché ritiene che nessun approccio olistico sia completo se non tiene conto dell’interazione con la forza di gravità.

Com’è strutturato il trattamento?

Dopo un colloquio preliminare in cui vengono focalizzate le problematiche del cliente, il percorso del Rolfing si svolge nell’arco di 10 sedute della durata di circa.un’ora.
Il Rolfer (l’operatore di Rolging) osserva il corpo della persona in posizione eretta ed in movimento nello spazio e ne “legge” le caratteristiche. Ogni seduta, personalizzata a seconda delle necessità individuali, si prefigge come scopo quello di liberare le tensioni presenti e riorganizzare progressivamente la struttura corporea, dai livelli più superficiali a quelli più profondi, senza perdere mai di vista il principio olistico di base, assicurandosi che il lavoro svolto si integri in modo armonioso e non traumatico nella struttura del cliente.
Nell’azione di pressione sulle fasce muscolari, più lenta e profonda di quella di un normale massaggio, si utilizzano diverse forme di tocco che prevedono anche l’uso delle nocche e dei gomiti, la cui intensità viene misurata sulla base del continuo feedback tra cliente ed operatore.

Il trattamento ha dei limiti?

Le vaste possibilità di impiego che offre la tecnica Rolfing non devono però far pensare che sia una panacea.
Le sedute non fanno diventare dei “superuomini” e non fanno diventare “perfetti”, ma consentono di avere un corpo meglio organizzato e più funzionale ed il riequilibrarsi nello spazio, ritrovare elasticità e recuperare movimenti sciolti è sempre e comunque di grande aiuto.
Il Rolfing è un processo, per cui la disponibilità al cambiamento non è sempre la stessa, ad esempio esistono casi in cui anomalie ossee, congenite o acquisite, limitano gli effetti del trattamento, anche se la distensione di tessuti irrigiditi può comunque dare sollievo. Nel corso della prima seduta si possono chiarire dubbi di questo tipo e inquadrare le aspettative personali nei termini del possibile.

A chi si rivolge?

E’ per tutti coloro che vogliono “sentire” di più il proprio corpo, viverne meglio le emozioni, o ritardarne i processi di invecchiamento; per coloro che hanno dei risentimenti a carico della colonna vertebrale, rigidità dovute all’artrosi, allo stress, a postumi di traumi. Chi vuole migliorare la postura, o le proprie performances, e aumentare la flessibilità può trarre grande vantaggio da questo metodo. I risultati saranno significativi e duraturi

A chi rivolgersi?

Tra i pochi Certified Advanced Rolfer, membri dell’Ida P. Rolf Institute of Structural Integration di Boulder – Colorado –Usa, che operano in Italia, per esperienza diretta mi sento di consigliare in piena coscienza Mario Finato, sia per le sue indubbie capacità professionali, date dalla lunga ed approfondita esperienza anche come insegnante, che per le non comuni doti di intuizione e sensibilità che gli permettono di entrare in empatia con il cliente, in modo da consentirgli di trarre il massimo beneficio dal trattamento.

Mario Finato

35233 Padova (PD) Studio Via Tiziano Aspetti, 248 – 4°Piano Int. 7 Tel/Fax 049 – 9202075

Nessun commento.

Lascia un commento